COLON / FAQ

FAQ

Di seguito trovate risposte alle domande che ci vengono poste più frequentemente.

Hai una domanda che non compare nelle FAQ?

Scrivi a smeva@me.com oppure su Facebook

Ti risponderemo il prima possibile!

Il mio intestino è sempre stato regolare, ma in questi ultimi tempi è diventato altalenante. E’ opportuno che faccia una colonscopia oppure è sufficiente prendere un lassativo?

Quando l’alvo diventa irregolare, soprattutto quando si nota un’alternanza di stipsi e diarrea, è opportuno chiarirne le cause. La colonscopia rappresenta sicuramente il metodo più affidabile per esaminare il colon ed escludere una patologia che ostruisce il regolare transito intestinale. La scelta tra le diverse modalità diagnostiche – Colonscopia ottica convenzionale o Colonscopia Virtuale – dipende dalla preferenza del singolo verso un esame più o meno invasive. Entrambe le modalità hanno elevata sensibilità e sono sovrapponibili sul piano dell’accuratezza.

La Colonscopia Virtuale è utile in caso di sangue nelle feci?

Il riscontro di sangue nelle feci rende opportuno un esame del colon per individuarne la causa. La probabilità che la causa del sanguinamento sia causata da un tumore nel colon retto è di circa il 50%. Considerando l’alta probabilità statistica l’esame più indicato è la colonscopia tradizionale che consente di individuare il punto di sanguinamento, sia esso di natura tumorale che infiammatoria o ulcerativa; nello stesso tempo consente una biopsia della mucosa nei punti sospetti.

La Colonscopia Virtuale è invasiva?

La Colonscopia Virtuale non è invasiva perché non richiede l’inserimento di strumenti lungo il colon; viene inserita unicamente una piccola cannula per qualche centimetro a livello ano-rettale. Per questo motivo la perforazione del colon è estremamente rara con la colonscopia virtuale rispetto alla colonscopia tradizionale che ha una probabilità di perforazione di 1/1000 casi.

La preparazione per la Colonscopia Virtuale è la  stessa utilizzata per la Colonscopia tradizionale?

La preparazione per la Colonscopia Virtuale è più leggera in quanto non è necessario pulire  completamente il colon. Le feci residue possono essere marcate bevendo insieme al purgante un preparato in grado di opacizzarle per differenziarle da eventuali polipi.

La Colonscopia Virtuale ha qualcosa in comune con la Videocapsula?

Assolutamente no. La Videocapsula è un dispositivo medico a forma di pastiglia che contiene una microtelecamera. Dopo essere stata ingerita dal paziente, la capsula procede lungo il tubo digerente grazie alla peristalsi intestinale ed è successivamente espulsa con le feci. La Videocapsula è utilizzata per esaminare l’intestino tenue e individuare le cause di sanguinamento. E’ stata utilizzata anche per la diagnosi dei tumori del colon-retto, tuttavia l’esame richiede una rigorosa preparazione dell’intestino, ottenibile solo grazie a forti purganti. Inoltre il tasso d’identificazione dei tumori del colon retto è basso.