FEGATO / Introduzione

Introduzione

Il fegato è localizzato nella cavità addominale superiore, al di sotto del diaframma; occupa l’ipocondrio destro e l’epigastrio. È la ghiandola più voluminosa del corpo umano ed ha un ruolo fondamentale nel metabolismo: svolge una serie di processi biochimici tra cui la sintesi delle proteine e del plasma, la produzione della bile fondamentale nel processo digestivo e la rimozione di sostanze tossiche dal sangue. Alterazioni della sua attività possono creare seri problemi di salute.
Le alterazioni della funzionalità epatica possono derivare da infezioni – in particolare dai virus dell’epatite -, da accumulo di trigliceridi o di altri elementi, da farmaci o da altre condizioni più rare. Il danno epatico può generare una reazione riparativa che determina lo sviluppo di fibrosi; la sua persistenza genera processi rigenerativi che conducono alla cirrosi, malattia che porta seri rischi per la vita.
Il fegato ha inoltre un rischio non trascurabile di degenerazione neoplastica, in particolare nei soggetti con pregressa epatite B o C. Rappresenta inoltre una sede frequente di localizzazione di cellule neoplastiche provenienti da tumori insorti in altri organi.
Se sei preoccupato per il rischio di epatopatia, puoi essere interessato a come prevenirla agendo sullo stile di vita e facendo delle scelte salutari, come l'esercizio fisico e una dieta sana. Puoi inoltre eseguire delle indagini specifiche mirate alla diagnosi precoce, al fine di limitarne le conseguenze. Premessa per ogni decisione terapeutica rimane una diagnosi precisa e accurata.

SME Diagnostica per Immagini ha standard di eccellenza per la diagnostica epatica ed eroga prestazioni di elevata qualità grazie alla competenza dello staff medico e all’utilizzo di macchinari innovativi e tecnologicamente avanzati.
Il Centro Medico SME dispone di tutte le tecnologie più avanzate oggi disponibili per lo studio del fegato:

  • Ecografia 2D per lo studio del volume e della struttura epatica.
  • Ecografia 2D con mezzo di contrasto per la tipizzazione dei noduli epatici.
  • Elastografia Strain (SE) per la caratterizzazione qualitativa di alterazioni nodulari rilevate all’ecografia 2D. 
  • Elastografia Shear Wave (2D-SWE) per la caratterizzazione quantitativa dello stiffness parechimale nelle epatopatie diffuse, al fine di valutare il grado di fibrosi.
  • Tomografia Computerizzata 64/128 slice, low dose con AIDR per la radioprotezione del paziente (riduzione del 70% della dose radiante)
  • Risonanza Magnetica ad alto campo con gating cardiaco e respiratorio, dotata anche di sequenze DWI.

 

Al personale medico e paramedico che opera presso il Centro SME sono richiesti alti livelli di preparazione e continuo aggiornamento per garantire ai pazienti una qualità tecnico-professionale il più elevata possibile.